La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

CCIR

I TWEET

Le sfide dell’#automotive al centro di un convegno in #Polonia https://t.co/51Ltcjt0En
La #BCE adotta il nuovo schema di sottoscrizione del capitale https://t.co/OoHEBny1xg
Selvaggio, naturale, autentico: #Tikehau è l’atollo più sperduto dell’arcipelago delle #Tuamotuhttps://t.co/4S9NLSAM7q
Al via la programmazione 2019 dei Rapporti Paese di @TribunaEconomic Si parte con #SVEZIA e #UCRAINA, a seguire… https://t.co/bWp94Iikvn
L’#industria meccanica ha esportato 14,5mld di euro nel primo semestre 2018 https://t.co/hnsXZWY3Ce’industria-mecca… https://t.co/fBDGWhElVS
Rapporto di #Sostenibilità #Net SpA: costi tra i più bassi d’Italia e rapporto diretto e costante con il territorio… https://t.co/fkgr7FieMx

 La Banque de France prevede per il 2018 una crescita economica per la Francia del +1,8%, in diminuzione rispetto alla crescita dinamica del +2,3% registrata nel 2017. Tra le ragioni di questa decelerazione le incertezze politiche, le tensioni commerciali internazionali e l’aumento del prezzo del petrolio.

Nonostante ciò, tale calo non sembra annunciare un’inversione di tendenza del ciclo economico che rimane positiva. In effetti, a partire da metà 2018, l’economia francese, secondo il Governatore della Banca centrale francese, dovrebbe crescere ad un ritmo pari al +0,4% per trimestre, sufficiente a creare tra i 180.000 e i 200.000 nuovi posti di lavoro netti e a portare il tasso di disoccupazione all’8,2% per fine 2020. In tali condizioni il deficit pubblico dovrebbe rimanere leggermente più elevato di quanto previsto dal Governo al 2,5%. (ICE PARIGI)

EN IT